La Top Ten delle "Fake News" sui Cibi

La Top Ten delle "Fake News" sui Cibi

By / Enogastronomia / Monday, 26 March 2018 07:35

Tutti i settori sono invasi dalle cosiddette Fake news. A tale riguardo quelle sull'alimentazione rappresentano un serbatoio davvero ampio in cui troppe persone attingono per modulare il proprio stile nutrizionale.

Il web è pieno di ciarlatani che spacciano come vere, notizie approssimative e senza alcun supporto medico scientifico.

Vediamo allora di fare un po' di chiarezza sulle dieci “bufale” più in voga in quest'ultimo periodo:

  1. Molte persone, pur non essendo intolleranti, hanno deciso di eliminare il glutine dalla propria dieta. Il glutine fa male solo alle persone celiache, che rappresentano solo il 3% circa della popolazione. Chi invece, pur non avendone bisogno, lo toglie dalla propria dieta,  rinuncia a proteine vegetali esponendosi altresì a una condizione innaturale, visto che il nostro organismo si è adattato ad assumerlo da migliaia di anni.
  2. Mangiare carne, in piccole quantità, non risulta dannoso per nessuna ricerca ufficiale. Anzi, i vantaggi di una dieta completa, con il giusto apporto di proteine animali, sono evidenti.
  3. Le bacche di Goji hanno delle proprietà terapeutiche paragonabili a quelle di qualsiasi altro frutto. Le diverse virtù che le sono state attribuite dai tanti articoli sul web non sono mai state supportate da alcun risultato scientifico degno di nota. 
  4. Il vero problema dell'olio di palma non è quello relativo all'alta percentuale di grassi saturi, che è molto simile a quella del burro o il latte di cocco, semmai alla deforestazione necessaria alle coltivazioni di questo prodotto usato in larga scala visto il basso costo.
  5. L'ananas ha il pregio di migliorare la digestione delle proteine ma, non quello di bruciare i grassi come alcuni sapientoni si ostinano ancora a pubblicizzare.
  6. Le banane non sono così ricche di potassio come si pensa. In una ipotetica classifica dei cibi con il più alto apporto di potassio si piazzerebbe infatti solo al nono posto, distaccate nettamente dagli spinaci crudi, dalla rucola, dai cavolini crudi e, come frutta, per esempio,  dai kiwi.
  7. Lo zucchero di canna ha praticamente le stesse caratteristiche sia nutrizionali che caloriche di quello bianco raffinato.
  8. Secondo le ultime ricerche il 70% circa degli italiani pensa che le merendine confezionate facciano male perché contengono l'additivo E330, che invece è formato da un composto presente nella frutta e negli agrumi: l'acido citrico. Assolutamente non dannoso per la salute.
  9. Purtroppo non esistono studi scientifici, condivisi dall'intera comunità medica, che garantiscano con certezza gli effetti preventivi della vitamina C, presente negli agrumi, per le malattie da raffreddamento. Le sue proprietà hanno sicuramente altri benefici ma non quello di eludere il raffreddore. 
  10. Chiudiamo con le bufale sul latte e i suoi derivati. Iniziamo col dire che in questo caso le scuole di pensiero sono tante e anche autorevoli. La maggioranza dei medici è però convinta che il latte, rientrando da migliaia di anni nella nostra dieta, ha modificato il genoma che consente anche in età adulta la produzione dell'enzima deputato a scindere questo “famigerato” zucchero. In più, va specificato che anche gli intolleranti al lattosio, in base ai dati Efsa, possono sopportare mediamente dosi fino a circa 125 millilitri di latte al giorno e che non è necessario rinunciare ai formaggi, o almeno a quelli a lunga stagionatura, perché questa operazione porta al radicale calo o addirittura alla scomparsa del lattosio stesso.

In estrema sintesi, il consiglio è che bisogna avere cura della propria salute affidandosi a professionisti seri e a strutture di riferimento che possano, soprattutto, accompagnarci, in un percorso che faccia ritrovare il giusto feeling con noi stessi.  

 

Author

IlMaestrale.net

IlMaestrale.net

Leave a comment

ciao

Please publish modules in offcanvas position.