COMPRA e VENDI IMBARCAZIONI
  sul LAGO MAGGIORE

I Top Brand 2017

I Top Brand 2017

By / Strategie & Successi / Monday, 18 December 2017 10:51

Come i nostri lettori sanno bene, la potenza di un Brand si misura dalla capacità di impattare all'interno della vita di tutti i giorni. Anche per quest'anno la Ipsos, azienda specializzata in analisi e ricerche di mercato, ha svolto la consueta indagine sui brand più influenti del 2017.

In particolare, ha voluto evidenziare le differenze generazionali nel rapporto che i consumatori instaurano con il marchio: Da un lato i Millenial (9 milioni di italiani fra i 22 e i 34 anni) e dall'altro i Boomer (15 milioni di italiani fra i 52 e i 70 anni).

Due gruppi estremamente eterogenei sia per quanto riguarda la concezione di un brand sia per la capacità di spesa. I primi infatti, cresciuti nell'era del lavoro precario hanno minori possibilità economiche; i secondi invece possono permettersi marchi più costosi ma hanno anche sviluppato un affetto intorno ai brand della loro vita.

Lo studio ha preso in grande considerazione i mezzi di comunicazione e il rapporto che entrambe le categorie hanno con essi e le differenze principali non tanto nella preferenza del mezzo, quanto nella modalità di fruizione.

In generale i consumatori più giovani sono distratti durante l'utilizzo dei vari media e lo sono in particole quando il medium di cui stanno fruendo è la televisione, ma sono più attenti a recensioni e prezzo. I più adulti, invece, attribuiscono maggior valore alle marche e alla genuinità.Inoltre se i millenial sono più sensibili alle raccomandazioni di famiglia, amici ed esperti, i boomer valutano ancora in modo significativo la reputazione della marca.

Ma quali sono i fattori che hanno influenzato la speciale classifica? Iniziamo col dire che in Italia il campione rappresentativo è stato composto da 4.000 persone. Gli intervistati sono stati invitati a esprimere la loro percezione nei confronti di un panel di 100 aziende selezionate in base a quote di mercato, investimenti pubblicitari e rilevanza complessiva sullo scenario nazionale.

Le categorie merceologiche coinvolte nell'indagine includono: food, automotive, travel, device, retail, digital-social, sport-fashion, tv & entertainment, telco, banking, QSR & supermarket, alcoholic drinks, editoria, coffee, utilities e betting.

Ecco quindi i 10 brand che risultano primi per influenza in Italia nelle preferenze di Millenial e Boomer:

 

MILLENIAL

  

BOOMER

 1°: Google  1°: What's App
2°: Amazon  2°: Google
3°: What's App 3°: Microsoft
4°: Facebook 4°: Amazom
5°: You Tube 5°: Apple
6°: Samsung 6°: Samsung
7°: Nutella 7°: Facebook
8°: Ryanair 8°: Coop
9°: Ikea 9°: Parmiagiano Reggiano
10°: Instagram 10°: Grana Padano

In conclusione possiamo aggiungere che i più giovani hanno identificato in modo più ricorrente con aggettivi riferiti all'innovazione e al coinvolgimento aziende dalla storia più recente come Airbnb, Ryanair, Instagram e H&M.

I più maturi invece hanno definito più frequentemente con aggettivi di affidabilità, fiducia e impegno sociale marche note come Mutti, Lavazza, Parmigiano Reggiano e Rana. L'indagine ha, come avete potuto osservare, una sorta di  zona franca, comprendente alcune aziende capaci di prescindere dal fattore “età” e di accomunare la scelta di due cluster così differenti tra di loro.      

 

Tags

Author

IlMaestrale.net

IlMaestrale.net

Leave a comment

ciao

Please publish modules in offcanvas position.